Univet siamo noi: Marco, il primo addetto al back office estero
18 marzo 2016

Quando, anni fa, Marco iniziò la sua collaborazione con Univet, era l’unico addetto al back office estero, attività alla quale affiancava anche la organizzazione delle fiere e il marketing.
Dunque è uno dei “pionieri” dell’azienda.
La sua passione è da sempre lo sport, tanto che si è laureato all’Isef di Verona, seppur, dopo la scuola superiore, fosse indeciso se intraprendere un percorso di studi delle lingue straniere.
Un segno che nel suo futuro ci sarebbe stato un lavoro dove era necessario parlare altre lingue ed entrare in contatto con tutto il mondo. Inoltre sua moglie è laureata in lingue, anche questa un’altra coincidenza!
Infatti dice: “Non manco mai di raccomandare a mia figlia che conoscere le lingue è fondamentale”.
Tra l’altro, quando era un adolescente, alle vacanze in Riviera, ha sempre preferito l’Inter rail e per alcuni anni ha visitato l’Europa in treno: Scozia, Francia, Spagna, Danimarca, Irlanda, Inghilterra.
I giovani d’oggi forse nemmeno sanno cosa sia l’Inter rail, ma anni fa era il modo migliore, nonché più economico, per viaggiare, in un tempo in cui non esisteva internet e le cose si esperivano ancora con i sensi, mentre le distanze non erano virtuali, ma reali. Marco è partito con il sacco a pelo in spalla, e il bagaglio è diventato così anche quello prezioso dell’esperienza.
Ha sempre amato il nuoto, di cui è stato anche istruttore, e il calcio, “un po’ come tutti gli italiani” confessa quasi a scusarsene, rivelando un animo “gentile” nel senso più nobile del termine: Marco è infatti una persona sensibile ed educata, con una predisposizione ideale per la relazione con le persone con le quali, infatti, ogni giorno intrattiene un rapporto di servizio e fiducia reciproca.
E’ orgoglioso del suo percorso professionale, il lavoro l’ha infatti aiutato a crescere, a diventare cosmopolita, anche a liberarsi da alcuni ostacoli mentali, a capire altre mentalità, come si vive in altri Paesi, continuando quel percorso iniziato anni prima, quando li visitava le prime volte da ragazzo.
Per questo è grato all’Ing. Portesi, il fondatore dell’azienda, che insieme a Gianpiero e Matteo diede a lui e ad alcuni ragazzi numerose opportunità, mettendo a disposizione insieme una formazione e un supporto. Da lui, racconta con un misto di nostalgia e gratitudine, ha imparato molto, e da parte sua Marco non si è mai risparmiato, mettendosi sempre in gioco per crescere e migliorare.